#nevergiveup

ALLA SCOPERTA DEL MONDO CON UNA MALATTIA CRONICA INVISIBILE, O PIU’

Tabella dei Contenuti

Federica Casagrande

Presidente e Fondatrice dell'Associazione Una contro Tre

Nel nostro scorso articolo vi abbiamo parlato del Collarino con i Girasoli ed i molteplici
benefici per viaggiare più sicuri.

Questa volta non vi proporremo la solita rubrica come fanno tutti “Vi aiutiamo a superare la paura di viaggiare” oppure “Ti dico come viaggiare con una malattia cronica”, ma vi vogliamo elencare alcuni consigli che riteniamo utili, e che noi stessi mettiamo in pratica, per non vedere la malattia come un limite ed intraprendere finalmente quel viaggio che avete messo nel cassetto… iniziando così una vera e propria scoperta del mondo.
Ormai l’estate è iniziata e con lei la voglia di fare qualche gita fuori porta e perché no visitare quella meta
tanto desiderata. Sappiamo che nelle malattie croniche ci sono molti alti e bassi, momenti di sollievo ed
altri dove bisogna veramente stringere i denti per poter arrivare a fine giornata, ed è proprio per questo
che è difficile mantenere un equilibrio.
Come fare a mantenere quell’equilibrio? Ecco i nostri consigli:


Cosa non deve mancare?
I vostri farmaci e piano terapeutico!
Fisicamente sarete in vacanza ma la vostra malattia no! Vi invitiamo a parlare con il vostro medico dei
viaggi che avete in programma in modo tale da consentirgli di compilare correttamente l’autodichiarazione che vi permetterà di trasportare anche alla dogana i vostri farmaci, sia quelli di routine, sia quelli eventualmente utili in caso di imprevisti.


Tracciare dei limiti ed autoregolarsi
Saper tracciare dei limiti ed autoregolarsi è molto importante!
Quando si viaggia il nostro corpo è in continuo movimento, quindi, durante la giornata è importante fare
delle piccole pause, idratarsi correttamente e saper scegliere il cibo da consumare.


Parlarne
Sia che viaggi in compagnia oppure in solitaria parlate della vostra malattia! È importantissimo!
Questo consiglio è vitale perché aiuta i vostri compagni di viaggio a capire come potrebbero aiutarvi nel
caso ci fossero problemi o complicanze. In caso di viaggi in solitaria comunicate in albergo della vostra
situazione, in modo tale che anche loro sappiano come agire in caso di necessità.


Prevenire è meglio che curare
La tecnologia fa parte del nostro quotidiano, sfruttiamola al meglio!
Ricordatevi che potete registrare i vostri dati sanitari, la cartella clinica ed i contatti di emergenza; così
facendo in caso di complicazioni chiunque vi soccorra potrà accedervi anche senza sbloccare il vostro
telefono ed aiutarvi.


Magari vi state chiedendo: “perché parliamo di viaggi in questo articolo?”
Purtroppo ci sono persone che non accettano ancora la malattia, la vedono come un limite, come quella
cosa che ha stravolto la loro vita, i loro piani e progetti. Il messaggio che vorremmo trasmettere è che
magari, anche se in questo momento state vivendo un periodo buio a causa sua, e vorreste un attimo di
tregua, noi possiamo fare tutto! Magari più lentamente e con difficoltà, ma possiamo fare tutto quello che
vogliamo!
Il corpo umano è una macchina molto resiliente che di fronte alle difficoltà ed eventi traumatici non si
arrende molto facilmente, ma al contrario, trova quella forza nascosta di andare avanti e ci rende capaci di
trasformare quell’evento negativo subito in una fonte di apprendimento.

E ricorda
Le anime più forti sono quelle temprate dalla sofferenza. I caratteri più solidi sono cosparsi di cicatrici
– Khalil Gibran


… in ogni caso #NEVERGIVEUP

IL TUMORE AL COLON RETTO

I tumori dell’intestino colpiscono principalmente il colon ed il retto, con un’incidenza mondiale del 10 % su tutti i tumori; principalmente colpiscono le persone sopra

Leggi Tutto »

LA GASTROENTERITE

Provocata spesso da cibi o acqua contaminati, ha quasi sempre natura virale. Stiamo parlando della gastroenterite. Dovuta a virus, come norovirus e rotavirus, batteri, come

Leggi Tutto »

IL SANGUE D’ORO

Esiste un gruppo sanguigno rarissimo! Si chiama “Sangue d’oro”, scientificamente Rh null, e chi ce l’ha ha una completa assenza di qualsiasi antigene Rh, che

Leggi Tutto »

Più che una semplice associazione
Una
Famiglia